Confermato l’Accordo di Milano.

L’ultimo governo Berlusconi, dopo aver steso e firmato l’Accordo di Milano, si era premurato di ricorrere contro le esenzioni IRPEF che, dando esecuzione allo stesso, l’esecutivo sudtirolese aveva decretato. Nel rifiutare quelle eccezioni, la consulta ha ora riconosciuto il rango costituzionale dell’accordo.

Pur non riguardando direttamente le misure del governo Monti, le deduzioni della Corte Costituzionale sono un’ottima notizia per la tenuta del nostro sistema di finanziamento: considerandone la superiorità gerarchica rispetto alla normativa «ordinaria», il presidente del consiglio italiano non potrà  che fare marcia indietro su alcuni provvedimenti. Rimarrà  comunque da verificare se la consulta non intenderà dare precedenza al famigerato «interesse nazionale» nel giudicare eventuali ricorsi contro le manovre finanziarie del «professore».

Politik Recht Wirtschaft+Finanzen | Mailänder Abkommen | Mario Monti Silvio Berlusconi | | Südtirol/o | | Italiano