Ancóra Sudtirolo.

Markus Lobis su Facebook scrive «Sudtirolo». Al consigliere comunale di Bressanone Antonio Bova (AAnC) non va giù e protesta.

Gli argomenti sono i soliti:

  1. «Sudtirolo» non va bene perché in italiano non esistono la «d» e la «t» attaccate.
  2. Inoltre, semmai, si dovrebbe dire «Tirolo del Sud», in quanto «in italiano si usano le preposizioni».
  3. «Alto Adige» non è un’imposizione fascista, esiste già dall’epoca napoleonica.
  4. Rispetto e cultura e poco altro, ché di vere ragioni — se non politiche — non ce ne sono.

E allora vediamo:

  • (1) Può darsi che la «d» e la «t» in italiano non si usino comunemente, ma
    • è l’uso che determina quel che è corretto o meno e non viceversa e
    • sia la Treccani sia il dizionario Garzanti contemplano l’aggettivo «sudtirolese» che (fino a prova contraria contiene la «d» e la «t» attaccate.
  • (2) Questo viene contraddetto da «Sudafrica», «Sud-Tirolo» e «Sud America» che non contengono la «d» e la «t» attaccate ma non usano le preposizioni.
  • (3) Un’imposizione fascista rimane tale anche se l’oggetto dell’imposizione è un nome inventato da qualcun’altro. E un’ingiustizia non è meno ingiusta solo perché viene perpetrata due volte.
  • (4) Non so che dire.
    • Qual’è il rispetto nei confronti di chi si è visto imporre non un nome frutto della fantasia, bensì migliaia? E che sino ad oggi non solo qualcuno usa in ambito privato, ma che sono gli unici ad avere carattere ufficiale?
    • Cultura… cultura? Davvero?

Vedi anche: [1] [2] [3] [4]

(Visited 64 times, 1 visits today)