Elena Artioli nel PD.

Secondo informazioni concordanti il membro della dieta sudtirolese Elena Artioli (ex SVP, ex Lega Nord e ormai ex Team Autonomie), eletta con i voti di un’alleanza con Michaela Biancofiore (FI, ex PDL) sarebbe approdata nel PD, nominata addirittura coordinatrice LiberalPD del Sudtirolo.

Più che per Elena Artioli si tratta di una pessima carta da visita per il PD, in quanto la consigliera, soprattutto all’epoca della sua militanza nella Lega, si era contraddistinta per le sue prese di posizione xenofobe e discriminatorie, tutt’altro che liberal (o di sinistra). Comportamenti improntati all’intolleranza che culminarono nientemeno che nella passeggiata col maiale su un terreno destinato all’apertura di una sala di preghiera islamica, sulla falsariga di iniziative simili portate avanti dai hardliner leghisti.

Per un partito che vorrebbe essere socialdemocratico davvero non c’è male.

Faschismen Kohäsion+Inklusion Medien Migraziun Politik | | | | | Lega PD&Co. PDL&Co. SVP | Italiano

9 replies on “Elena Artioli nel PD.”

Mi piacerebbe un bel giorno leggere un articolo con i meriti politici della Artioli, che cominciando da mistilingue SVP, un po’ sgomitando ed un po’ regalando pacchi di pasta, ha fatto il giro di tutto l’arco costituzionale. Temo però che l’articolo non venga mai scritto per mancanza di contenuti.
Il PD, invece, lasciam perdere, che le parolacce non stan bene su internet…

ist das jene artioli, die einmal meinte, dass es ein problem der hiesigen parteien ist, sich nicht von rom emanzipiert zu haben und die auch aus diesem grunde das “team autonomie” gründete?

Tommasini su FB scrive:

Sono profondamente contrario all’entrata della Consigliera Artioli nel Pd. Credo nei valori dell’uguaglianza e della solidarieta’ e non penso si possa passare dall’Svp alla Lega a Forza Italia e salire sul carro del Pd quando fa comodo. Ho ricevuto tantissimi contatti di militanti che minacciano di restituire la tessera. Lunedi in Assemblea chiedero’ di fare chiarezza. Se qualcuno ha fatto il furbetto a livello nazionale e locale per architettare questa farsa dovra’ rispondere alla giusta indignazione dei cittadini e militanti.

Certo che dev’essere tosta per un vicepresidente della provincia ed una segretaria provinciale vedersi scavalcati così dai funzionari nazionali… alla faccia dell’Europa delle regioni: se manco i candidati/militanti vengon gestiti a livello locale, andiam davvero forte!

[…] Die neue PD-Koordinatorin Elena Artioli ist also den Freiheitlichen und der Süd-Tiroler Freiheit »zu extrem«, weil sie »Hetze« gegen den Islam betreibt. Mehr – glaube ich – muss man über den Zustand der als »liberal«, »sozialdemokratisch« und »links der Mitte« bezeichneten Partei nicht sagen. Siehe auch: [1] […]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *