Categories
BBD

Le vergognose celebrazioni di El Alamein.

Anche nel 2016, come ogni anno, le forze armate ufficiali di un paese democratico, l’Italia, hanno festeggiato una battaglia — persa, ma «eroicamente» a quanto pare — dell’Asse nazifascista: quella di El Alamein in Egitto.

Da un paio d’anni le celebrazioni si svolgono a Pisa dove, nonostante le proteste delle associazioni antifasciste al grido di «niente da commemorare», continuano tranquillamente a sfilare alte autorità civili, religiose (!) e militari; per la felicità dei nostalgici fascisti che si danno appuntamento in città, esibendo impunemente simboli del ventennio e saluti romani, mischiandosi alle famiglie attratte dall’esposizione di armamenti bellici e dagli show dei paracadutisti.

Nella stessa data, il 25 ottobre di ogni anno, l’ambasciata italiana d’Egitto organizza una commemorazione presso un grande «sacrario» appositamente eretto dall’Italia nel 1955 nei pressi della località di El Alamein. Prima dell’ingresso, su di un cippo, si trova una pietra marmorea con un’iscrizione divenuta un mantra: «mancò la fortuna, non il valore».

[La] Battaglia di El Alamein […] vide 3500 paracadutisti italiani battersi strenuamente contro preponderanti forze avversarie, mostrando dedizione, abnegazione ed amor di Patria.

La cerimonia testimonia i valori quali l’onore, il sacrificio e la fedeltà  propri del soldato Italiano e che hanno contribuito a rendere grande il nostro Paese.

dal sito internet del «Capo di Stato Maggiore dell’Esercito»

In realtà la seconda battaglia di El Alamein (dal 23 ottobre al 4 novembre 1942), che vide fronteggiarsi le forze nazifasciste comandate da Erwin Rommel e l’Ottava armata britannica, fu il punto di svolta decisivo nella «campagna d’Africa», quindi verso l’invasione della Sicilia e la liberazione del continente dalle dittature totalitarie e dai campi di concentramento.

Targa apposta nel sacrario di El Alamein (foto: difesa.it)

Targa affissa nel sacrario di El Alamein (foto: difesa.it)

Sarà vero, come narrano gli storici, che i paracadutisti della Folgore, in una battaglia che costò migliaia di vite, riuscirono a opporsi (inutilmente) per vari giorni agli attacchi delle forze alleate; e che, come piace ricordare nei festeggiamenti, al momento della resa ricevettero «l’onore delle armi» dagli inglesi. Ma questo non giustifica che un paese democratico commemori — acriticamente — le forze armate al servizio di due dittatori aguzzini.

Vedi anche: 1/ 2/ 3/ 4/ 5/ 6/ 7/ 8/ 9/ 10/ 11/ 12/

Einen Fehler gefunden? Teilen Sie es uns mit. | Hai trovato un errore? Comunicacelo.

9 replies on “Le vergognose celebrazioni di El Alamein.”

Bisogna rispettare il passato, giusto o ingiusto. sono morti migliaia di soldati, e giusto o sbagliato che sia, bisogna onorarli e ricordarli. sono morti i nostri padri e i nostri nonni…. ricordarli è il minimo.

Perché bisogna rispettare il passato, anche se ingiusto? Perché onorare — oltrettutto ufficialmente e collettivamente — persone e truppe che hanno partecipato a inutili e ingiuste guerre di aggressione, portando sofferenze indicibili a popolazioni innocenti in nome di due spietate dittature?

Dobbiamo, per dire, onorare anche mafiosi o terroristi perché indubbiamente fanno parte della storia?

Nessuno dice di non ricordare, ma onorare quei fatti mi sembra un grave errore.

L’esercito italiano era formato da giovani ragazzi ventenni mandati al fronte senza rifornimenti e senza adeguato equipaggiamento. Andarono al fronte per coscrizione obbligatoria e comunque a nome del Regno di Italia, non del governo fascista. Ciò che lo Stato Italiano commemora e ricorda sono le sofferenze e la morte di questi ragazzi, non si commemora il governo dittatoriale e soprattutto incapace che fu causa di quelle morti, né si rimpiange quella funesta guerra e gli orrori provocati.
Mio nonno non ha fatto El Alamein ma è stato prigioniero dei tedeschi per 2 anni, dopo l’armistizio, con lui centinaia di migliaia di giovani che hanno vissuto ognuno la propria guerra e la propria sofferenza. È doveroso commemorare tutti quei ragazzi. Anche e soprattutto loro sono le vittime e tutta la nazione insieme perché hanno lasciato madri padri mogli e alcuni anche figli senza un corpo su cui piangere.

Se proprio si ritiene di dover commemorare collettivamente quella battaglia, ci sono mille modi di farlo. Tra questi, quello scelto è senz’altro uno dei peggiori: eroicizzando quei fatti e quegli attori, senza autocritica e senza tenere adeguatamente conto del punto di vista degli altri.

Ammesso e non concesso che quell’esercito fosse lì solo a nome del Regno (a quei tempi indistinguibile dal regime dittatoriale), il colonialismo è comunque sempre un crimine. Tra l’altro, l’esercito italiano, nonostante l’equipaggiamento che lei dichiara insufficiente, ha fatto danni e provocato sofferenze immensi.

MA NON VI VERGOGNATE??? NON MERITATE ALCUNA CONSIDERAZIONE!!! I SOLDATI DELLA “FOLGORE” ERANO RAGAZZI ITALIANI CHE COMBATTEVANO PER L’ONORE DELLA P A T R I A !!! CHE VOLERE O NON ERA IN GUERRA !!! UNA GUERRA SBAGLIATA MA COMUNQUE UN IMPEGNO VERSO LA NAZIONE! PATRIA UN SOSTANTIVO CHE NON VI È FAMILIARE!! VERGOGNATEVI!!!

Könnte jemand dem Herrn sagen, dass Großbuchstaben im Netz einem Schrei gleichkommen?
Ich nehme an, der Kommentar wurde im Sinne der Meinungsfreiheit publiziert. Trotzdem wäre ich nicht unglücklich wenn er nicht getätigt worden wäre.
Gerade in Italien von “patria” zu sprechen, finde ich lächerlich. Die zwangsvollzogene Einigung Italiens ist noch heute an allen Ecken und Enden spürbar, was meint der gute Herr mit “patria”?

Mi spiegherebbe come si fa a combattere per l’onore della patria in una guerra sbagliata? Comunque ha ragione, la patria è un sostantivo e un concetto che non ci è familiare, tantomeno se per festeggiarla bisogna onorare i crimini del colonialismo o chi vi ha partecipato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *