Catalogna, la Scozia s’immischia.

Il governo scozzese, guidato dagli indipendentisti socialdemocratici dell’SNP, ha offerto a Madrid e Barcellona di mettere a loro disposizione la propria esperienza, acquisita e maturata in occasione del referendum del 2014.

Lo ha ribadito con un tweet Humza Yousaf, ministro per gli affari europei e la cooperazione del governo di Edimburgo:

Dopo la vittoria degli indipendentisti catalani alle elezioni parlamentari di domenica erano state la segretaria di gabinetto Fiona Hyslop, prima, e la stessa prima ministra scozzese Nicola Sturgeon, poi, a mettere in campo la proposta.

Pur rimarcando le differenze fra i due paesi, Sturgeon aveva affermato che l’accordo costituzionale fra Londra ed Edimburgo rappresentava un’esperienza esemplare; inoltre aveva sottolineato come molti scozzesi e catalane seguono con molto interesse, reciprocamente, i processi d’indipendenza dei loro paesi. Secondo la prima ministra scozzese saranno le catalane ed i catalani a decidere il futuro della Catalogna.

Fino a poco tempo fa i partiti ed il governo scozzesi avevano scrupolosamente evitato di intromettersi nel processo d’indipendenza catalano. Ma alcuni giorni prima delle elezioni, settimana scorsa, esponenti dell’SNP, dei Verdi, dei Liberaldemocratici e dei «Tories» scozzesi avevano chiesto a Madrid di riconoscere il risultato del plebiscito e a concedere alla Catalogna un referendum legale.

I think Scotland has given the world an example of how to make these big decisions in absolutely the right way.

— Nicola Sturgeon, primo ministro scozzese

E così, mentre a livello europeo le regioni indipendentiste iniziano a far rete, il Sudtirolo — per colpa propria — ne rimane escluso.

One Reply to “Catalogna, la Scozia s’immischia.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *