Categories
BBD

Juncker, Urzì e i sudtirolesi ingrati.

Venerdì scorso è venuto in Sudtirolo, in visita ufficiale, il presidente UE Jean-Claude Juncker — e il consigliere provinciale Alessandro Urzì (AAnC), postfascista, ci ha ricamato sopra la sua solita esasperante polemica etnica. Come nel caso della norma di attuazione sulla toponomastica.

E come sempre.

Il sostegno mediatico, come al solito, gli è giunto puntuale dal quotidiano in lingua italiana del gruppo Athesia (la nuova proprietà che, in occasione dell’acquisto, aveva definito l’AA un giornale «autonomista»).

Abbiamo tentato di interloquire con Urzì su Facebook, ma purtroppo ha preferito tagliar corto continuando a cancellare ogni nostro commento. Sia chiaro, questo è un suo diritto — ma è la ragione per cui ho deciso di scrivere questo pezzo.

Andiamo al sodo:

Urzì si scaglia contro il cosiddetto «landesüblichen Empfang» degli Schützen, con cui il Landeshauptmann ha accolto Juncker. Scrive che «si è imbastita una cerimonia pari a quelle che solo i Capi di Stato tributano all’alto rappresentante dell’Europa» e che quindi Kompatscher avrebbe fatto «il finto Capo del Libero Stato». Falso. Noi, che indipendentisti lo siamo e dunque ce ne saremmo rallegrati, dobbiamo contraddire: il «landesüblicher Empfang« è appunto questo: landesüblich, ovvero «abituale», «consueto»… «normale»; e lo è anche a Innsbruck, non proprio la capitale di uno stato indipendente e sovrano. Che a Urzì non piaccia è un’altra cosa, bastava che lo dicesse.

Inoltre, il Nostro critica che per dare il benvenuto a Juncker gli Schützen abbiano usato dei fucili (depotenziati, quindi innocui, se non usati a mo’ di clava) del tipo Mauser 98k. I «micidiali Mauser 98 K in dotazione alla Wehrmacht. Fucili comprati uno ad uno nel mercato della nostalgia del Reich», secondo Urzì.
Ora, premetto che a me le armi non piacciono e sarei strafelice se gli Schützen le mettessero da parte. Ma sinceramente mi fanno più paura le armi vere (e in grado di uccidere) che non quelle finte/depotenziate usate a scopi di rappresentazione storica o cerimoniale.
Ad ogni modo non mi risulta che Urzì avesse avuto da ridire sull’esibizione di armamenti bellici (pesanti) durante l’adunata degli Alpini nel 2012; o sulle marce con le mitragliette (se fossero fucili mi si passi l’ignoranza, ma il senso rimane pur sempre quello). A meno che il consigliere non si sia convertito al pacifismo ultimamente; nel qual caso gli dovrei le mie scuse, ma mi sia permesso dubitarne.
Per quanto poi riguarda i «micidiali» Mauser, secondo quanto per quanto è dato sapere sono quasi tutti di provenienza iugoslava; altroché comprati uno a uno sul mercato della nostalgia (sempre che Urzì non sia in grado di dimostrare il contrario, ma allora dovrebbe farlo). Dunque un’altra accusa falsa.

Va detto però, e qui ho piena comprensione per la delusione di Urzì, queste/i sudtirolesi sono una vera banda d’ingrati. A nemmeno cent’anni dalla liberazione dal giogo austroungarico (non è uno scherzo, Urzì ne è convinto) hanno il cattivo gusto di non chiedere permessi agli eredi del fascismo. E di non suonare l’inno nazionale (quello antiaustriaco).

Come se fossero autonomi.

Vedi anche: 1/ 2/ 3/

Einen Fehler gefunden? Teilen Sie es uns mit. | Hai trovato un errore? Comunicacelo.

4 replies on “Juncker, Urzì e i sudtirolesi ingrati.”

Urzì kritisiert auch, dass der Empfang vor dem Laurinbrunnen stattgefunden hat. Die dargestellte Szene interpretiert er als Bezwingung von König Laurin, der die Latinität repräsentiere, durch Dietrich von Bern, der das Germanentum darstelle. Meines Wissens hatte schon Riccardo Dello Sbarba (Grüne) vor etlichen Jahren die Entfernung des Brunnens aus ähnlichen Gründen gefordert — dann aber einen Rückzieher gemacht, nachdem er quasi über die richtige »Bedeutung« des Brunnens informiert wurde. Erinnere ich mich falsch?

Der Vollständigkeit halber: Urzì beanstandet auch noch, dass Juncker, Kompatscher & Co. mit Schnaps angestoßen haben. Jahrelange Alkohol-Sensibilisierungskampagnen seien damit zunichte gemacht worden. Nun mal von der Lächerlichkeit dieses konstruierten Zusammenhangs abgesehen… waren Urzìs liebe Alpini 2012 eigentlich alle nüchtern? Ich kann mich da vage an was anderes erinnern… :-)

Gestern war ein großes Interview von Chefredakteur Faustini mit LH Kompatscher im AA. Dabei hat sich der LH wirklich bravourös geschlagen, wiewohl ich natürlich nicht mit allem einverstanden bin, was er gesagt hat. Faustinis Verhalten geht hingegen auf keine Kuhaut. Würden die Dolomiten den LH so frontal angehen, noch dazu der Chefredakteur selbst und zu ethnisch heißen Eisen… es wäre ein Skandal. Den Vogel abgeschossen hat Faustini mit der Aussage, dass er sich nicht mehr für die Toponomastikdiskussion begeistern könne. Natürlich, schon klar, und ich bin der Weihnachtsmann.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *