Categories
BBD

La polizia fatta in casa.
Quotation 65

L’unica cosa che critico è la convinzione di alcuni politici, di riuscire a gestire al meglio una polizia provinciale. Non c’è nulla di più sbagliato. C’è chi vorrebbe creare una polizia fatta in casa. Ma così non ci saranno mai delle forze dell’ordine libere. Si verrebbe a creare un sistema fragile. Sono convinto che sia essenziale mantenere tanto la polizia di stato quanto i carabinieri. Anche per una questione di sana competizione, come dicevo prima. E poi, perché si mantengono due strutture limpide. Non sono influenzabile dai poteri locali anche perché non sono altoatesino. Questo mi ha permesso di svolgere sempre senza particolari problemi il mio lavoro

Dario Rotondi, questore di Bolzano, quotidiano A. Adige del 21.10.2012.

Dunque il questore afferma — indirettamente — che la polizia in Svizzera (organizzata a livello cantonale), Germania (Landespolizei) e parzialmente in Austria, ma anche in Catalogna e nei Paesi Baschi, non è libera.

D’altronde, che cosa significa «libertà»? Alla non influenzabilità della polizia da parte dei «poteri locali» (anche quando si tratta di migliorare il bilinguismo o di aumentare il rispetto per le sensibilità territoriali?) corrisponde l’influenzabilità da parte del ministero degli interni e delle prefetture.

Inoltre, in quasi tutti i paesi democratici manca anche la «sana competizione» (tra forze di polizia) descritta da Rotondi, senza che questo crei seri problemi di «limpidità». Anzi.

Vedi anche:

Medien Plurilinguismo Politik Polizei Recht Transparenz Zentralismus | Zitać | | AA | Baskenland-Euskadi Catalunya Deutschland Österreich Südtirol/o Svizra | Regierungskommissariat Staatspolizei | Italiano

13 replies on “La polizia fatta in casa.
Quotation 65

Allora, caro Questore, parliamo delle condanne dei vertici di polizia per le torture in riferimento alla scuola Diaz e al “Lager” di Bolzaneto , caso unico in tutta l´Europa! Una vergogna!

Genau zu diesem Thema darf im heutigen Alto Adige der Vorzeigenationalist Paolo Campostrini wieder auftrumpfen. Der Artikel trägt den bezeichnenden Namen “Polizia e SEL, meglio se c’è lo stato”.

Ich hab den Kommentar von Campostrini gelesen… wirklich interessant. Es gelte nicht mehr, die Autonomie weiter auszubauen, sondern, sie endlich »zu dekonstruieren« (macht das Rom nicht schon seit Monaten?). Die staatliche Kontrolle sei eine Wohltat. Im Schlusssatz des Artikels dann plötzlich eine unerwartete Einsicht, die seinen ganzen Kommentar genau genommen wieder hinfällig macht: Es gehe gar nicht um Staat oder Land, so Campostrini sinngemäß, sondern um die Gewaltenteilung.

Halleluja… genau das behaupte ich nämlich auch, also warum das ganze Gefasel vonwegen »meglio se c’è lo stato«? »Meglio se c’è la separazione dei poteri«, müsste es doch heißen. Und die gibt es auch in Schweizer Kantonen und deutschen Bundesländern.

Ergänzung: Wenn Rotondi von »Freiheit« spricht, ist das genau genommen schon nicht ganz korrekt. Die Polizei ist nämlich gemäß Gewaltenteilungsprinzip keine eigene Gewalt, sondern der Exekutive und — in ihrer Funktion als Gerichtspolizei — der Judikative unterstellt und weisungsgebunden. Ein Polizeipräsident (Quästor) sollte das eigentlich wissen.

Non sono influenzabile dai poteri locali anche perché non sono altoatesino.

dieser logik folgend, müsste sich der quästor eine ausländische polizei für italien wünschen. denn der unterschied zwischen staats- und landespolizei ist ja nur die größe des einflussbereiches.

Mi piace molto la «limpidezza» della razzia che i carabinieri hanno portato a termine ieri in via Garibaldi a Bolzano: 150 uomini e un elicottero per trovare 60g di hashish (0,4g a testa per ogni uomo impiegato), 100 persone portate in caserma per identificarle e controllare i permessi di soggiorno. Mi sembra senz’altro un’azione adeguata e ben calibrata, che non ha l’aria della criminalizzazione. (Per fortuna che una schifezza del genere non l’ha fatta la polizia provinciale.)

(Per fortuna che una schifezza del genere non l’ha fatta la polizia provinciale.)

E per fortuna sì, ti immagini che situazione spiacevole per dei migranti essere perquisiti da degli uomini con l’aquila sul distintivo invece che la granata dei carabinieri… altro che disagio! :-D

Tra l’altro alcuni erano anche in tuta mimetica. Mi vengono in mente due spiegazioni: a) volevano fare i Rambo b) dovevano mimetizzarsi nelle fioriere. Non so cosa sia più probabile…

Davvero erano in tuta mimetica?
Io ho visto vari carabinieri in tenuta antisommossa e solamente uno – l’ormai noto capitano Davide Perasso – in abiti borghesi, però con giacca mimetica. Se e dove volesse mimetizzarsi non lo so. ;-)

Anche la tenuta antisommossa? E i tiratori scelti? C’erano?

Comunque non escludo di aver visto solo Perasso in mimetica, anche se in varie sequenze televisive… forse credeva di dover dirigere un’operazione di guerra.

Effettivamente mancavono solo i mezzi blindati e i sommozzatori, altrimenti c’era tutto. Poi non ho ben capito a cosa servisse l’elicottero che ha girato sulla città  per ore (!), facendo un baccano pazzesco.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *