Categories
BBD

Bilinguismo, per Zerzer problema inesistente.
Il barometro linguistico dimostra il contrario

Non abbiamo mai avuto lamentele per personale che non parlava la lingua del paziente. Anche perché è nel nostro interesse che il personale sia bilingue.

Per lo meno da quando sono in azienda io non ho mai avuto a che fare con cause legali legate alla non conoscenza della seconda lingua. E non ricordo nemmeno di pazienti che si siano lamentati perché medici o infermieri non parlavano la loro lingua.

Così l’inserto locale del Corriere cita il direttore generale di Sabes, Florian Zerzer, nell’edizione del 10 novembre. E deduce:

Cosa c’è di fondato nella denuncia di Süd-Tiroler Freiheit, condensata nei manifesti choc appesi alla fermata dell’autobus davanti all’ospedale? Dati alla mano, nulla. Pura provocazione. O almeno questo è quello che sostengono dall’Azienda sanitaria.

Velocissimi dunque, sia Zerzer che l’autore dell’articolo, ad assolvere Sabes, negando il problema. Che tuttavia — proprio «dati alla mano»! — esiste e andrebbe preso sul serio, invece che minimizzato: secondo il barometro linguistico dell’Astat, nella sua ultima edizione, ben al 31,9% della popolazione di lingua tedesca e all’8,8% di quella di lingua italiana, nei soli 12 mesi precedenti alla rilevazione, da unità sanitaria e ospedali è stato rifiutato il diritto di parlare nella propria lingua, previsto dallo Statuto di autonomia.

La sanità pubblica dunque si attesta perfino ai primissimi posti nella poco lusinghiera classifica dei servizi pubblici che non garantiscono quanto stabilito dalle leggi in materia linguistica.

Trovo un pessimo segnale che il direttore generale neghi o, ancor peggio, non sia a conoscenza di un problema che definirei gravissimo (con possibili ripercussioni anche gravi sulla salute dei pazienti) solo perché non risultano ufficialmente lamentele o cause legali. La consapevolezza di quel che accade (e di quel che non va) sarebbe il primo passo, indispensabile, verso il necessario miglioramento — e invece scopriamo che va tutto bene.

Vedi anche:

Discriminaziun Faktencheck Gesundheit Medien Minderheitenschutz Plurilinguismo Recht Service Public Umfrage+Statistik Vorzeigeautonomie | Bilinguismo negato Sprachbarometer Zitać | Florian Zerzer | Corriere | Südtirol/o | Astat Sabes STF | Italiano

4 replies on “Bilinguismo, per Zerzer problema inesistente.
Il barometro linguistico dimostra il contrario

Wenn ein Generaldirektor und Vertreter einer Minderheit solche Sachen behauptet und die Situation in den städtischen Krankenhäusern leugnet, dauert es nicht mehr lange bis diese Minderheit schwindet. Die SVP und die Südtiroler in ihrer Mehrheit tragen selbst die Verantwortung für diese Situation, der Nationalstaat Italien macht nur das was andere Staaten auch machen, die vorbildlichen und liberal denkenden nordischen Staaten mal davon abgesehen. Diese Entwicklung zur neuen perfideren Italienisierung (Mithilfe der auf extremsten Appeasement ausgelegten SVP) geht jetzt so schnell wie die Entwicklung in den deutschen Schulen in den Städten, die ich aufgrund meiner Kinder selbst miterleben darf. Ich weiß noch wie ich vor einigen Jahren gesagt hab, dass es in den Städten in der deutschen Schule in jeder Klasse nur einzelne deutschsprachige Schüler gibt. Da wurde ich nicht ernst genommen, heute ist es eine Selbstverständlichkeit geworden. Und so geht es weiter…

Vollkommen richtig erkannt. Vor allem “uns” selbst trifft die Hauptschuld an dem ganzen Schlamassel. Der Staat tut nur das, was er praktisch tun “muß”.

Fortunatamente gli operatori sanitari fanno il loro lavoro in modo eccellente. Evitiamo per favore una nuova babele.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *